sabato 18 maggio 2019

Sacrifice un amore sporco di Maura Grignolo - Segnalazione

Ancora una segnalazione per il nostro Blog, piano piano riusciremo a smaltirle tutte non temete.

Questa volta un genere un po' diverso da quelli che solitamente proponiamo ai nostri affezionati lettori, si tratta del nuovo romanzo di Maura Grignolo - «Sacrifice - Un amore sporco» Amazon publisher.



                                Genere Erotic romance
                                
                                 autoconclusivo

                                 pagine 519 


                                 Per acquistarlo


“ Noi siamo sempre stati una bugia “. Un uomo soffocato dal peso delle sue colpe e dei suoi demoni, questo è Blake Cress. Questo sono io. Il buio mi ha chiamato a sé molto tempo fa. Ha reclamato il mio cuore, la mia anima. Ogni frammento della mia vita che ancora osava brillare di luce. Mi sono inabissato tra le sue braccia, lasciando che mi cullasse in modo da espiare i peccati che mi avevano portato a perdere tutto. A perdere la donna che amavo più della mia stessa vita. Frammento. Sono solo questo ormai. Un fantasma che vaga in questa casa, vuota, con l’eco di quello che una volta vi abitava. Io, il mio sorriso. La mia famiglia. Stanze prive di vita in cui aleggia solo il suono delle mie lacrime, intrappolate come me. Le sento ancora, le sue urla mentre, agonizzante, la guardavo morire. Il calore del fuoco che divampava in me e che ha ucciso per sempre il vecchio Blake. Ogni giorno sento ancora la mia stessa volontà messa in ginocchio e il mondo morire per sempre. Una punizione per qualcosa che non avevo fatto. Tutto per punire lui. L’uomo più importante della mia vita. Mio fratello. Stanco, vivo in questa prigione che mi sono costruito attorno per proteggermi dal mondo. Fino al suo arrivo. Evelyn. Il mio punto di non ritorno. Ma come posso cambiare quello che ho fatto? Una fottuta scelta sbagliata ha mandato all’inferno troppe vite. Rapita, torturata, tutto per proteggere quell’uomo che non mi ha mai dimostrato un solo briciolo d’amore. Mi odio, ma soprattutto la amo. Le nostre strade non avrebbero mai dovuto incrociarsi. Se lei non avesse scattato quelle foto… Lei è il bene, io il fuoco che rende perenne l’inferno. Non posso farmi conoscere, non voglio che veda chi si cela dietro questo volto abominevole. Non posso donarmi di nuovo a qualcuno. E non intendevo farlo. Ma il suo tocco brucia più della benzina. Il suo sorriso mi scava dentro ferite che di doloroso non hanno niente. Lei, che non ricorda chi sono davvero. Non vede in me il male che le ho fatto per colpa di un amore malato. Perché sei dovuta arrivare? Non devo desiderarla, lo so bene. La mia voglia di lei è pericolosa. Io non posso dare niente a nessuno. Ho amato un tempo. Ho amato davvero. Ma ormai sono buio e disperazione. Sono marchiato dal male. Lei mi confonde. Ogni suo gesto mi fa desiderare di essere ancora l’uomo che ero. Ma quel giorno ha disintegrato tutto ciò che consideravo vita, luce, importanza. Ha preso il mio cuore e lo ha bruciato, lasciandomi inerme a chiedere una fine che non mi è stata concessa. Lei, che mi maneggia con cura per paura che possa rompermi, non sa che giorno dopo giorno si sta lentamente innamorando dell’uomo, del mostro, che le ha rovinato la vita. Devo dirle addio, per proteggerla dalla furia di un uomo che non sa cosa sia la pietà. Ma proprio non ce la faccio. La amo. Lei è tutto ciò desidero. La fiamma pura e bellissima che potrebbe concedermi una nuova possibilità di essere felice. Ho abbracciato il buio tanto tempo fa. Ma poi è arrivata lei, facendomi desiderare di vivere. Io le appartengo. Sono parte di quel cuore a cui ho fatto del male. Sono parte di quella ragazza che non mi fa sentire un’ombra che si nasconde. Ma il nostro amore è nato nel peccato, nella menzogna. Nell’odio e nel male. Non può esserci redenzione per me. Non può esserci lieto fine per noi. Non ci sarà. Siamo condannati a distruggerci l’uno con l’altro. Lui non ci lascerà mai andare. La odia. La vuole morta. Solo allora il suo segreto sarà al sicuro. E io farò di tutto per proteggere quella ragazza, anche a costo della mia vita. Del sangue sarà versato. Nel male noi tutti affogheremo. Il nostro amore è letale come il fuoco, appassionato, selvaggio, disperato. Il nostro amore sarà la sua condanna. Il male mi scorre dentro. Sono un angelo caduto nato all’inferno. E dall’inferno non uscirò mai.

giovedì 16 maggio 2019

Oscurità di Cenere di Tanya Torriuolo [Recensione]

Buongiorno amici del bosco. 
Vi posto oggi la recensione del libro "Oscurità di Cenere" di Tanya Torriuolo. Cliccando  qui troverete la nostra tappa dedicata al blogtour del libro. 
Iniziamo con qualche info, poi troverete la mia recensione. 




TITOLO: Oscurità di Cenere 
AUTORE: Tanya Torriuolo 
GENERE: Paranormal-Horror, autoconclusivo 
EDIZIONE: Self publishing



Sinossi
Questa è la storia di un gruppo di amici, di misteriosi eventi e di uno strano legame tra un vecchio libro e un’affascinante casa immersa nel verde di una collina, in un sentiero che tutti conoscono ma che in pochi ricordano. I ragazzi sono poco più che ventenni e decidono di fare una breve vacanza insieme, ma non sanno che invece si rivelerà un’impresa ardua nella quale la loro vita, il loro legame e la loro lucidità mentale sarà messa a dura prova. Così, mentre cercheranno di risolvere i misteri della casa, dovranno cercare nel frattempo di non impazzire e combattere in contemporanea, sia le oscure presenze che si nascondo intorno a loro, sia quelle che abitano dentro di loro. In un susseguirsi di misteri, paura e leggera follia, immersi in uno sfondo quasi pittoresco, i sette ragazzi impareranno cos’è il coraggio, la resilienza e ci mostreranno l’intensità di una forma d’amore che spesso viene trascurata: l’amicizia. Questa storia ti ricorderà che non occorre essere supereroi né avere strani poteri per essere coraggiosi. Il finale non sarà come ti aspettavi.



Biografia 
A Tanya Torriuolo, nata nel 1993, piace leggere e scrivere principalmente Urban Fantasy, Fantasy e Horror. Il 2 Maggio 2018 ha esordito con “Oscurità di Cenere”, romanzo Paranormal-Horror che sta raccogliendo un discreto successo tra i lettori e i blog letterari, paragonata ad autori di calibro quali Shirley Jackson e Stephen King. Recentemente ha partecipato al Concorso Letterario “Racconti dal Piemonte” con l’inedito racconto breve (Fantasy) “Dalila” che verrà pubblicato in una raccolta edita da Historica Edizioni e per il quale sarà presente alla premiazione durante il Salone del Libro di Torino 2019. Attualmente vive in provincia di Torino con il suo compagno e i loro due gatti, mentre una nuova storia prende forma per una prossima pubblicazione.


Recensione
Fin dalle prime righe ho avuto la sensazione che questo libro mi sarebbe piaciuto, così è stato. La vicenda avventurosa, allo stesso tempo terribile, che vivono questi ragazzi, mi ha davvero coinvolta.
Ho trovato particolarmente interessante la descrizione dettagliata della casa, era come essere veramente lì, con Rose e gli altri.  I personaggi sono ben caratterizzati e nessuno passa in secondo piano, creando un perfetto contorno intorno alla protagonista, Rose, su cui ci sarebbe davvero molto da dire.
Dopo il primo capitolo di "introduzione", entriamo nel vivo della storia, con la manifestazione di eventi paranormali provenienti proprio da quella casa che avrebbe dovuto essere meta di divertimento e relax.
Non mancano i momenti tragici, quelli in cui si è talmente immedesimati con i protagonisti, che è difficile non provare paura per la loro sorte.
Non mancano i colpi di scena, mai scontati e mai banali.
Se vi piace il genere horror, questo libro non può mancare sul vostro scaffale.
Oscurità di Cenere merita ben quattro gufetti








mercoledì 15 maggio 2019

Panesi e NpsEdizioni in festa a Sestri Levante il 18 e 19 maggio

Cari amici i prossimi 18 e 19 maggio la Lega Navale di Sestri Levante, che si affaccia sulla meravigliosa Baia del Silenzo, ospiterà una due giorni dedicata interamente ai libri in occasione del compleanno di due giovani realtà editoriali

La ligure Panesi Edizioni e la toscana NpsEdizioni



Sarà una piccola festa del libro, quella organizzata da Panesi e NPS Edizioni a Sestri Levante, per festeggiare i loro compleanni. Panesi Edizioni, casa editrice genovese, promotrice di “Libri in Baia”, la fiera dell’editoria che si tiene a ottobre a Sestri Levante, festeggia i cinque anni di attività. NPS Edizioni, marchio editoriale dell’associazione Nati per scrivere, è nato invece a maggio 2018, per valorizzare testi che affondano nella storia, nella cultura, nell’arte e nel folclore locale e rendono vivo e vitale il territorio.

Entriamo nel dettaglio del programma: l’inaugurazione avverrà sabato 18 maggio alle 15, alla presenza dei direttori editoriali Annalisa Panesi e Alessio Del Debbio.

Alle 16, di sabato 18, avrà luogo l’incontro “Storie di donne di oggi e di ieri”, per raccontare la forza delle donne nella storia, in compagnia delle scrittrici Maria Pia Michelini, con il romanzo “Zena la nuda”, e Daniela Tresconi, che presenterà il suo nuovo thriller storico “Il sigillo delle cento chiavi”.

Seguirà, alle 18, l’incontro sul “Folclore d’Italia”, promosso da NPS Edizioni, sempre attenta a testi che valorizzino le tradizioni e le leggende popolari italiane. Per l’occasione verranno presentati i nuovi libri: “Quando Betta filava”, di Alessio Del Debbio, e “Bestie d’Italia – volume 1”, antologia di racconti dedicati alle creature fantastiche che popolano le regioni italiane. 

Domenica 19 maggio, invece, alle 16 verrà lanciato il Progetto Giovani, l’iniziativa promossa da NPS Edizioni, in collaborazione con il magazine L’Ordinario, per avvicinare i giovani alla lettura, partendo da tematiche a loro vicine. Amicizia, adolescenza, bullismo sono i temi dei libri “Anime contro”, romanzo di Alessio Del Debbio, e “Giovani inversi. Poesie in tempi di bullismo e altre prepotenze”, silloge poetica di Romina Lombardi, illustrata da Alice Walczer Baldinazzo.

Chiuderà la rassegna l’incontro “Romance in baia”, previsto per le ore 18, dedicato alla narrativa romantica, con ospiti le autrici Valentina Piazza, e il suo nuovo romanzo “Il castello dei desideri”, e Simona Bianchera, con il romanzo “Tu sei musica”, entrambi editi da Panesi Edizioni.

All’interno della struttura, sarà presente uno spazio espositivo, con tutti i titoli delle due case editrici in mostra: offerte speciali, gadget e numerosi scrittori che si alterneranno allo stand, per incontrare i lettori e firmare dediche sui loro libri.

Attenzione riservata anche agli aspiranti scrittori: chi ha un manoscritto nel cassetto, infatti, potrà proporlo direttamente ai direttori di Panesi e NPS Edizioni, nel corso degli speed date letterari che si svolgeranno la mattina di sabato 18 e domenica 19 maggio (dalle 10 alle 13). Per presentare il proprio progetto è necessario prenotarsi, contattando via mail le case editrici. Ulteriori informazioni sullo speed date letterario sulla pagina Facebook dedicata.

Non potete assolutamente mancare


lunedì 13 maggio 2019

La flotta d'argento di Stefania Bernardo & Patrizia Ines Roggero - Segnalazione

Sono appena rientrata dal Salone del libro di Torino e già il calendario è pieno di nuove segnalazioni e stuzzicanti eventi librosi da mettere in agenda.

Cominciamo con la segnalazione di questa settimana, si tratta di un romance storico dal titolo «La flotta d'argento» di Stefania Bernardo e Patrizia Ines Roggero, in pre-order su Amazon dall'11 maggio e disponibile dal 19.


Titolo: La flotta d’argento
Autrici: Stefania Bernardo & Patrizia Ines Roggero
Editore: Self Publishing
Genere: Romance Storico
Pubblicazione: 19 maggio 2019 – in preorder dal’11 maggio 2019.
Pagine ebook: 201
Prezzo ebook: 1,99 – preorder € 0,99
Cartaceo: disponibile a breve

Per acquistarlo clicca qui 









Drew MacLean da Nieves si aspetta solo una notte di piacere, intenso ma passeggero. D’altronde lui è un pirata e lei una prostituta, ma il loro sensuale incontro darà inizio a un’avventura dove nulla è come sembra. Il luccichio dell’argento è un miraggio lucente che, insidioso, sussurra all’orecchio di predatori senza scrupoli. Tra segreti, vendette e arrembaggi Drew e Nieves dovranno affrontare più di una sfida per proteggere il legame che ha unito i loro cuori.



Chi sono le due autrici?

Stefania Bernardo nasce a Ivrea il 17 dicembre 1985. È autrice di romance storici e d’avventura. Ha esordito con il romanzo La Stella di Giada, a cui fanno seguito Royal Fortune e Scura come la notte. Affascinata dalla storia inglese e scozzese, ha studiato con particolare attenzione il XVIII secolo, gli Hannover, le rivolte giacobite e le biografie dei pirati più famosi dell’epoca.
Dal 2016, dopo aver seguito studi tecnici nel campo dell’economia e del marketing, si è specializzata in Editing e correzione di bozze. Sul suo blog si occupa di approfondimenti storici e intervista gli autori emergenti, presentando le loro opere. Con altre tre autrici, è amministratrice del gruppo facebook, “Io leggo il romanzo storico”. È editor presso Eadon Servizi Editoriali.


Patrizia Ines Roggero Patrizia Ines Roggero è autrice di Romance ed Erotici storici. Vive in Liguria con il marito e la figlia, è editor presso Eadon Servizi Editoriali ed è appassionata di storia americana, soprattutto per quanto riguarda l’epopea western e la cultura dei Nativi Americani. Collabora con il sito Farwest.it ed è tra le fondatrici del gruppo Facebook Io Leggo Il Romanzo Storico.


Buona lettura


venerdì 10 maggio 2019

Blog tour Oscurità di cenere di Tanya Torriuolo

Oggi siamo molto felici, ospitiamo infatti le tappe di ben due blog tour,  ora con estremo piacere vi presentiamo la nuova produzione letteraria di Tanya Torriuolo dal titolo «Oscurità di cenere»

TITOLO: Oscurità di Cenere 
AUTORE: Tanya Torriuolo 
GENERE: Paranormal-Horror, autoconclusivo 
EDIZIONE: Self publishing




Di cosa parla il romanzo?

Blog tour "Quando Betta filava" di Alessio Del Debbio - quarta tappa-

Eccoci nuovamente a voi cari amici del Bosco, mentre a Torino è in pieno svolgimento il Salone Internazionale del libro,  vi proponiamo una lettura che verrà presentata in anteprima proprio al Salone.

Con grande piacere partecipiamo alla quarta tappa del blog tour dedicata alle leggende inserite nell'antologia «Quando Betta filava» di Alessio Del Debbio - NpsEdizioni.



Quando Betta filava” è un’antologia di racconti ispirati a leggende e tradizioni popolari toscane, per cui i luoghi in cui si svolgono le storie sono in Toscana. Ma non aspettatevi grandi città! Spesso, i luoghi più ricchi di folclore e tradizione sono campagna e montagna, borghi storici e cittadine meno note, ma ricche di storia, cultura e leggende popolari.

Siete pronti per scoprire le leggende che potrete scoprire acquistando questo libro?

La Toscana è una terra ricca di leggende, tradizioni popolari, storie di folclore, che si tramandavano da nonno a nipote, spesso raccontandole attorno al fuoco. Credenze che hanno contribuito a rendere vivo e vitale un territorio, fatto anche di spauracchi, di creature fantastiche e magie.
Nella stesura dei racconti di “Quando Betta filava” l'autore si è divertito a recuperare molte di queste leggende, per valorizzarle e impedire che vadano perdute, facendone materia narrativa. Un approccio diverso, più locale, nostrano, al fantastico.

Eccone alcune:

KINZICA
Forse la più celebre leggenda pisana, quella di Kinzica Sismondi. Su di lei, poco si sa, poco di concreto, come è il bello di tutte le leggende. Paolo Tronci, nei suoi “Annali di Pisa” (1829), la chiama Chinsica Sismondi o Gismondi. Era una donna vissuta a Pisa all’inizio dell’undicesimo secolo, forse di origini nordafricane, dato il nome (cosa probabile, dato che Pisa, attorno all’anno Mille, era ricca di mercanti provenienti dall’Africa e dal Vicino oriente). A lei viene dato il merito di aver impedito la distruzione totale e il saccheggio della città nel 1005 (o nel 1016, secondo altri storici), durante l’incursione araba guidata da Musetto.
Vedendo le fiamme divorare parte della città, Kinzica sarebbe corsa dai governanti locali, urlando “al fuoco! Al fuoco!”, svegliando loro e la città e facendo suonare le campane. In questo modo uomini e donne si sarebbero uniti ai soldati, convincendo gli arabi a tornare alle navi. Un’eroina cittadina, in pratica.
A lei è dedicato il racconto che chiude l’antologia: “L’ultima Kinzica”. Ambientato in un futuro distopico, dove l’umanità non si è ancora stancata dei suoi errori, segue le vicende di tre ragazzi in cerca di un locale proibito. Tre ragazzi nati nel quartiere dei Barattoli e che portano nel cuore gli ideali di Kinzica, convinti che la Protettrice tornerà a liberarli dal giogo della tirannia.

La statua di Kinzica sembrava ondeggiare fuori dal tempo, con le lunghe vesti avvolte dai rampicanti, ma lo sguardo ancora fiero, come doveva esserlo la notte in cui svegliò il popolo per avvisarlo dell’invasione nemica. Al suo spirito indomito Marco si aggrappò, allungando una mano verso di lei. 
«Salvaci» mormorò.
(estratto dal racconto “L’ultima Kinzica”)

SARASIN
Maghi potentissimi, operanti soprattutto in Lunigiana, che nel Mondo Antico innalzarono costruzioni gigantesche, megalitiche, rivaleggiando con i Giganti. Col tempo, impauriti dalla degenerazione dell’uomo, sono scomparsi, rifugiandosi in anfratti scavati nelle montagne, soprattutto lungo le pareti rocciose degli Stretti di Giaredo, poco distante da Pontremoli.
Pare che esistesse persino un sentiero, l’antica Cà de Sarasin, che collegasse le loro abitazioni nella valle del torrente Gordana, ma le sue tracce sono andate smarrite.
I sarasin compaiono o, per meglio dire, sono oggetto della ricerca del protagonista di “Oltre gli stretti”, racconto ambientato agli Stretti di Giaredo in Lunigiana.

Devono esistere, devo credere che siano sopravvissuti, che uno di loro oda la mia supplica o non riuscirò a chiudere il cerchio. Avrei potuto farlo prima, avrei dovuto, è vero, ma alla vita ero attaccato, e forse mi ci ero abituato. Quattro secoli di ricordi adesso stanno diventando troppi. Troppe voci, troppi orrori per non poter desiderare un po’ di pace.
(estratto dal racconto “Oltre gli stretti”).

TIRRENIDE
La leggendaria Atlantide del Tirreno, il continente che occupava l’antico Mediterraneo occidentale, poi sprofondato tra i flutti. Della sua esistenza, era convinto Costantino Cattoi, asso dell’aviazione nella Prima guerra mondiale e fervido amante della storia e dei misteri.
Fu fondata dai Ciclopi, creature gigantesche e deformi, che ne furono i primi abitanti: i progenitori dei Pelasgi e, per tramite loro, degli Etruschi. Vi hanno vissuto gli antichi popoli dei mari, come gli Oceanini, sirene e tritoni, esseri senzienti in grado di piegare la mente umana, finché il grande imperatore Federico II di Svevia non guidò una crociata contro di loro. Al termine di quel sanguinoso conflitto, il continente sprofondò e da allora non se ne seppe più niente, anche se qualcuno ritiene, di tanto in tanto, di aver avvistato strani esseri spiaggiati lungo le coste toscane…
La Tirrenide è l’oggetto della ricerca di Elena e Martin nel racconto “Sulle tracce della Tirrenide”, ambientato ad Ansedonia e attorno alla laguna di Orbetello, due ragazzi che ritrovano il diario di Costantino Cattoi e vogliono recuperarne i tesori.

«Così tante strutture di avvistamento, a cosa dovevano servire se non a tener d’occhio il mare? O quello che si cela nelle sue profondità?» ripeteva spesso Elena, con una luce d’eccitazione negli occhi.
(estratto dal racconto “Sulle tracce della Tirrenide”).


Se volete sapere dove trovare questa antologia approfittate del Salone del Libro di Torino e cercate Alessio del Debbio allo stand NpsEdizioni 

Buona lettura





martedì 7 maggio 2019

L'associazione Nati per Scrivere al Salone del Libro di Torino

Cari amici, conto alla rovescia per l'edizione 2019 del Salone internazionale del Libro di Torino, che avrà luogo dal 9 al 13 maggio al Lingotto Fiere.

Noi del Bosco abbiamo già preparato gli accrediti e dunque saremo presenti a Torino per incontrare autori, case editrici ed immergerci nel mondo colorato e variopinto dei libri e della cultura.

Tra i numerosi amici che avremo la fortuna di incontrare, vi segnaliamo l'associazione culturale viareggina «Nati per scrivere», che sarà presente in fiera con una piccola delegazione.

I libri di NpsEdizioni saranno presso lo stand Dark Zonepadiglione 2, numero G112-H113.

Numerose le novità, fresche di stampa proprio per il Salone del Libro:

Il mistero di Virginia Hayley, intrigante romanzo gotico di Alessio Filisdeo

Bestie d'Italia, antologia di racconti fantastici con protagoniste le creature del folclore italiano

Quando Betta filava, i racconti di Alessio Del Debbio ispirati a leggende e tradizioni popolari toscane

Tito il dito e l'alieno scoppiettante, di Maria Pia Michelini, racconto per bambini, contenente immagini da colorare



Alcuni autori saranno inoltre presenti allo stand, per incontrare i lettori e firmare copie dei loro libri:
- Alessio Del Debbio: dal 9 al 13 maggio
- Romina Lombardi: dal 9 al 13 maggio
- Daniela Tresconi: dal 10 al 12 maggio - che sarà presente con il suo nuovo romanzo Il Sigillo delle                                                                           Cento Chiavi (Panesi Edizioni)
- Luciana Volante: dal 10 al 11 maggio


Ci vediamo a Torino, a presto




lunedì 6 maggio 2019

"Non Lasciarmi Andare", di Melissa Pratelli || "Mia", di Daniela Ruggero || "Micropolis", di Giuseppe Milisenda - 1° Tappa [BlogTour]

Buongiorno Amici Lettori,
ben trovati ad un nuovo blogtour della Dark Zone Edizioni: siamo in dirittura di arrivo con le ultime uscite in favore del Salone del Libro di Torino Edizione 2019 e vi presentiamo, con entusiasmo, gli ultimi titoli pubblicati!!

Pronti!! Via!!!

NON LASCIARMI ANDARE
di Melissa Pratelli
Serie Stronger - Dark Zone Edizioni

Sono passati due mesi da quando Aidan se n’è andato e guardare avanti non è mai sembrato così difficile. Eppure, Lia ce la sta mettendo tutta per rimettere insieme i pezzi, grazie anche all’aiuto di Connor, un ragazzo dolce e premuroso che ha un debole per lei ormai da tempo.
Lasciare alle spalle i propri sentimenti, però, non è semplice, soprattutto quando è proprio il fratello di Aidan il nuovo coinquilino di Ceci e Lia.
Aidan ha chiuso definitivamente con la sua vecchia vita. La sua quotidianità, ora, è fatta solo di responsabilità. La decisione che ha dovuto prendere mesi prima continua a pesare sul suo cuore a pezzi e ciò che prova per Lia non sembra affievolirsi, anzi, è più forte che mai. Ma quale alternativa aveva se non quella di sparire dalla sua vita? Tuttavia, le sue sicurezze cominciano a vacillare nel momento in cui lui e Amelia si trovano di nuovo l’uno di fronte all’altra.
Anche se le nostre scelte sembrano quelle giuste, a volte non si può smettere di amare.
A volte, semplicemente, non ci si si può lasciar andare.

sabato 4 maggio 2019

Come un soffio di Giacomo Buonavita - Recensione

E' stato uno dei protagonisti dello scorso Premio letterario internazionale città di Cattolica - Pegasus literary awards 2018, la manifestazione culturale romagnola, nata da un'idea dello scrittore nonchè presidente del concorso Roberto Sarra, classificandosi secondo nella categoria inediti.

Vi sto parlando dell'opera prima del 25enne spezzino Giacomo Buonavita con il suo romanzo «Come un soffio»

                               Disponibile in cartaceo

                                   Acquista qui

                                Prezzo Euro 10,00



Viaggio tra gli anfratti più reconditi dell'anima, un percorso interiore che


 porterà il protagonista alla ricerca di se stesso, attraversando paure 


ataviche, 
sogni, e amori dissolti, in una cornice sensoriale di particolare impatto 

emotivo.


lunedì 29 aprile 2019

Il Re d' Inverno, Saga di Excalibur, di Bernard Cornwell

Salve a tutti lettori e ben trovati a una nuova recensione. Oggi vi voglio parlare di un libro di Bernard Cornwell, ovvero “Il re d’inverno”, un romanzo di stampo storico edito in Italia dalla casa editrice Longanesi.



Titolo: Il re d'Inverno

Autore: Bernard Cornwell

Editore: Longanesi

Genere: Storico Fantastico

Saga di Excalibur| pag. 358

Acquistabile in e-book QUI



Anno del Signore 480: dopo secoli di dominio romano, la Britannia ha finalmente conquistato l'indipendenza, ma libertà non significa necessariamente pace: forze oscure tramano nell'ombra e i sassoni si sono già impadroniti dei territori a est dell'isola. Il vecchio re Uther Pendragon, il Drago Rosso, è ormai prossimo alla morte, e il suo unico erede legittimo, il nipote Mordred, non è che un bimbo di pochi mesi, nato storpio nel cuore dell'inverno. L'unico in grado di riunire il paese contro i sassoni è Artù, leggendario guerriero detentore della magica spada nella roccia, forgiata nell'Oltretomba dal dio Gofannon e donatagli da Merlino, affinché riporti pace e giustizia nel regno. Un regno che Artù conosce bene: lì ha passato gli anni migliori della sua vita, ha combattuto e si è guadagnato la venerazione dei compagni. Il cammino verso la pace però è costellato di insidie, e quando incontra la bella Ginevra, nobildonna senza più terra né ricchezze, le cose precipitano irrimediabilmente: Artù si ritrova circondato da nemici su tutti i fronti, e sembrano sul punto di infliggere alla Britannia il colpo di grazia...