domenica 12 luglio 2015

"Fragile come un Sogno" - Giulia Gino

Amici del Bosco,
tra i titoli su richiesta sono riuscita a leggere, finalmente, un romanzo che desideravo affrontare da tempo..
Sto parlando del romantico Fragile come un Sogno della giovane Giulia Gino, che ho conosciuto durante una sua presentazione non distante dalla città in cui abito.


Titolo: Fragile come un Sogno
Autore: Giulia Gino
Editore: Lazzaretti Editore
Pagine: 202
Prezzo: 17.00 €
Formato: cartaceo
Uscita: novembre 2010

Bruciare di passione e non poterne fare a meno, a qualsiasi costo: ne conoscono bene il rischio i protagonisti di questa romantica storia d’amore ambientata a Torino. Nell’incantato mondo dei diciottenni, dove tutto appare ancora possibile, Filippo e Martina imparano ad amarsi e a conoscere le sconfinate sfaccettature di una relazione: attraverso la scoperta l’uno dell’altra riconoscono le loro stesse identità, vivendo in un sogno che mai avrebbero potuto immaginare. Ma la realtà, là fuori, è ben diversa e le loro stesse vite, troppo distanti per stato sociale e idee, si scontrano con la quotidianità di ognuno. I sogni sono fragili e la passione non perdona: il destino a volte può avere la meglio sui nostri desideri. Fragile come un sogno, opera prima della torinese Giulia Gino, affronta il tema dell’amore ripercorrendo le tracce di alcuni dei più celebri best seller contemporanei: la semplicità dello stile e la freschezza dei personaggi lasciano spazio ad alcune riflessioni profonde e ad un’avvincente trama in cui non manca il colpo di scena.


L'ho letto: ecco cosa ne penso!

Martina ha diciott'anni, e quest'estate farà l'esame di maturità. Insieme a lei ci sono Angela e Marta, compagne di scuola e amiche da una vita, con cui si condivide praticamente tutto. Tutte e tre appartengono al mondo della Torino Bene, quella delle ville con piscina sulla collina, per intenderci. Una sera, in discoteca, Martina scorge Filippo: un bel ragazzo, con una maglia bianca che sembra essere l'unica visibile in tutta la pista. Si scambiano occhiate, come a volersi conoscere a distanza, e giusto prima di uscire per tornare a casa Martina riuscirà a vincere la timidezza e andare da Filippo a presentarsi, dandogli così il suo numero di telefono.
Si sentiranno e inizieranno ad uscire per cercare di conoscersi meglio: Martina porta le sue amiche, Filippo invece si fa accompagnare da Marco, il fratello minore. Sarà durante una di quelle occasioni che i due incontrano Teresa: si scoprirà essere la ex di Filippo, per nulla rassegnata di essere stata scaricata. Se Martina appartiene alla Torino bene, vivendo nel lusso, con agi e poco affetto familiare, Filippo invece vive in zone condominiali della città, con i genitori che faticano ad arrivare a fine mese, con un lavoro non troppo redditizio e con una passione alquanto.. pericolosa. Questi retroscena, uniti alla fastidiosa presenza di Teresa, renderanno un po' difficile il rapporto di fiducia che Martina vorrebbe invece poter intrecciare con il suo bel giovane.
La loro storia, con diversi eventi più o meno belli, dura circa sette mesi.. finché non accade qualcosa capace, purtroppo, di portarli ad un punto cruciale: la svolta o... la rottura?

In duecentodue pagine Giulia Gino rende coinvolgente quello che può sembrare un banale amore adolescenziale: è un periodo importante, invece, dove si scoprono i sentimenti più veri, dove si riconoscono e si coltivano le amicizie, dove si vive ogni giorno con energia nuova, dove si prova l'adrenalina, dove si percepisce il limite da superare e lo si fa con la voglia di evadere, dove si vivono le emozioni con fortissimo coinvolgimento ed impegno.
Martina è un personaggio meraviglioso: una ragazza che, come un cigno, cresce scoprendosi donna, capace di affascinare ma anche ancora bisognosa di essere protetta; Filippo è unico, così coraggioso e determinato, eppure insicuro e timido nei confronti delle emozioni, che scopre con la sua principessa di apprezzare ogni sentimento provato. Intorno a loro, gli amici veri si riconoscono perché ci sono sempre, pronti a condividere ogni cosa, pronti a sostenerli.. ed insieme a quelli veri ci sono, giustamente, anche quelle persone che, opportuniste ed arriviste, desiderano solo rompere la felicità altrui forse perché insoddisfatti della propria mediocre vita.


Un romanzo che, lo sappiamo, non si conclude: è necessario leggere Ritornerà Settembre per poter così comprendere quel che succederà tra Filippo e Martina. Io spero di poterlo comprare presto, perché sono curiosa di scoprire quello che ancora non è accaduto.. la loro storia mi ha appassionata, e poi Torino è.. sempre molto, molto affascinante!

1 commento: