giovedì 1 ottobre 2015

Book and Cup of Tea #19 - "Risveglio"

Buongiorno Lettori e Booklovers,
e buon ottobre a tutti!!
Iniziamo un nuovo mese, ricco di novità, curiosità e tanto altro ancora!! Inauguriamo il periodo delle caldarroste e dei the caldi con un suggerimento letterario interessante, soprattutto per gli amanti del genere fantasy e romantico: parliamo infatti del secondo capitolo della saga selfpublish scritto dalla giovane Zaira Lucariello che, per l'occasione, ci regala anche un bell'estratto!

Titolo: "Risveglio"
Serie: 2° volume della trilogia "In Equilibrio"
Autore: Zaira Lucariello
Genere: fantasy romantico \ "genere della vita"
Editore : Youcanprint
Pagine: 272
Prezzo Cartaceo : ufficiale 18,00 - disponibile su LaFeltrinelli e IBS in superofferta
Prezzo Ebook: ufficiale 0,00 - disponibile su Amazon a 0,99
Data di uscita: Agosto 2015

Segnata da un destino che la mette costantemente alla prova, Nike è caduta nell’incontro proibito profetizzato da Fredegonda, un incontro che stravolgerà nuovamente il suo mondo interiore e metterà pericolosamente a repentaglio la sua incolumità. Mentre la sua vita ricercava un equilibrio a Kenai, un’altra, a sua insaputa, tentava di ristabilire il proprio a cavallo tra un’identità perduta e un’altra da ricostruire. In un incredibile salto nel passato, il mistero di Cold Heaven Mountain ci schiude le sue porte, presentandoci adeguatamente il risveglio del suo eroe inaspettato, il quale farà della cattura della prescelta la sua unica missione. La guerra più nefasta che il mondo potesse temere è alle porte, Nike sarà in grado di scovare dentro di sé il coraggio e la forza di fronteggiare queste minacce incombenti?
Il ritorno del passato, il duello decisivo con il male incarnato, i comandi e le scelte del cuore di una giovane donna dominata dalle passioni, sono gli ingredienti di Risveglio, il secondo romanzo che continua a mantenere alta la tensione della misteriosa e affascinante trilogia “In Equilibrio”.


L'AUTRICE
Zaira Lucariello è nata a Napoli nel 1993, diplomata al Liceo Classico, è iscritta all’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” e attende all’ultimo anno del corso di laurea triennale “Lingue, letterature e culture dell’Europa”. Attualmente vive ancora con la famiglia ma, in seguito alla laurea, prospetta il trasferimento a Berlino con il compagno, Andrea.


ZAIRA PRESENTA COSI' IL SUO ROMANZO
Reputo "Risveglio" di gran lunga superiore a "Genesi", forse è il mio preferito di tutta la trilogia. C'è una fortissima introspezione psicologica, un profondo viaggio interiore tra due identità che si combattono inconsapevolmente. Generalmente, le donne hanno un animo più intricato rispetto a quello degli uomini, ma in questo caso non so se si possa dire lo stesso: l'eroe di Cold Heaven Mountain sarà una sorpresa (forse) per tutti i lettori, non tanto la sua comparsa in queste vesti, quanto la sua trasformazione nel corso della vicenda. "Risveglio" rappresenta il nodo centrale della storia, è la miccia che genera lo scoppio centrale, ma che allo stesso tempo getta le basi per il raggiungimento del traguardo finale: l'equilibrio.


ESTRATTO
Rimanemmo giorni e notti chiusi in quella dannata stanza, le uniche pause che avevo erano quelle per dormire e per nutrirmi, ma andava bene così, non desideravo altro.
Kellar aveva allontanato dalla sala tutti gli altri guardiani, insistendo su quanto quello fosse un percorso che dovevamo affrontare da soli: la mia formazione necessitava di estrema segretezza.
Volevo essere il migliore, volevo diventare grande e volevo che tutti sapessero chi fossi. Non pensavo a nient’altro che a come uccidere la prescelta, a come avrei guidato i guardiani per cercarla, a come avrei messo fine a quella sordida guerra, portando onore a mio padre, ai re ed a tutti i caduti.
Kellar annotava ogni mio progresso, s’accertava che seguissi scrupolosamente la tabella di marcia. Era un insegnante severissimo e voleva che io diventassi come lui: così come fortificava il mio corpo, plasmava la mia mente e il mio linguaggio all’indifferente egoismo. M’incitava durante gli esercizi, esaltava i passi avanti che compivo, mi insultava vergognosamente non appena commettevo un errore e talvolta mi colpiva come un cane, in modo da scatenare una mia reazione che non sempre riusciva a mantenere i limiti della sottomissione. In quel caso, ovviamente, altre botte.
A volte lo odiavo, eppure le sue sadiche imprecazioni mi rendevano più aggressivo, mi spronavano a dare di più.
Kellar non poteva dirsi un padre affettuoso, non penso sapesse cosa fossero le esternazioni sentimentali e d’altronde neanche io le conoscevo (o quantomeno, non ricordavo di averle mai provate), ma in compenso almeno lui era forte, un uomo d’onore e dal carattere autoritario. Se lui era diventato così anche senza i sentimenti, mi convinsi di poterne fare anch’io a meno. Il nostro legame tuttavia era estremamente forte, un miscuglio di amore e odio, che respirava la stessa ambizione a diventare grandi e invincibili.
Gli allenamenti a sfida erano quelli che preferivo: ci confrontavamo ogni sera nella nostra piccola battaglia privata, maestro contro allievo; era l’unico momento in cui avevo il permesso di colpirlo e atterrarlo… Anzi, più che una concessione era un vero e proprio dovere, in quanto il contrario implicava insulti e critiche sarcastiche.
In uno di quei duelli provai a intraprendere con lui il delicato argomento dei sentimenti, ma la risposta fu quella che mi aspettavo: mi mise in guardia con fare minaccioso dall’amore e, riguardo la donna, disse che era un essere pericoloso, dato che, tramite lo svelamento della sua femminilità, era in grado di strappar via il controllo persino ai più astuti.
 «Non bisogna neanche parlare di queste cose, Velkan. Concentrati sulla tua spada, piuttosto!»
Mi colpì senza pietà con la sua lama, ma il mio scudo raccolse il colpo facilmente e mi permise una risposta adeguata che lo fece traballare. 
«Conoscere il nemico mi aiuterebbe, padre! Vedete? Sono bravo nel combattimento, la mia attenzione non ha ceduto.»
Si asciugò il labbro, non rispose. Roteò su se stesso con agilità, trascinando con sé la lama luccicante, il mantello lo rendeva quasi elegante. Si scagliò contro di me con una furia impietosa che mi gettò a terra, dopodiché mi colpì ripetutamente per tre volte. La prima la parai, la seconda mi liberò dello scudo, la terza mi disarmò.
Trattenni il respiro, i suoi occhi di ghiaccio ridevano della mia sorpresa, sorridevano ilari, convinti d’avermi ridicolizzato per l’ennesima volta. “No!”, urlò il mio orgoglio in risposta. Quella volta gli avrei finalmente dimostrato il mio valore.
Mentre lui mi puntava la punta della spada alla gola, lo colpii di striscio con un calcio laterale che, piegandogli le gambe, lo costrinse a barcollare. Feci forza sulla schiena e in un balzo fui in piedi, pugni in alto in posizione di combattimento.
Dargli il tempo di pensare sarebbe stato folle.
Lo colpii dritto in volto, gli afferrai il polso e lo disarmai, ma proprio quando il suo braccio era sotto il mio, mi chiuse il collo in una morsa soffocante. Ridacchiò in un ghigno malefico. Credeva d’aver vinto, ma aveva dimenticato quanto gli allenamenti avessero fortificato la mia muscolatura e l’abilità di combattimento a mani libere. Gli diedi una testata, unica mossa favorita da quella posizione, dopodiché, servendomi solo della schiena, lo spinsi a terra, liberandomi dalla sua presa. Afferrai rapidamente le due spade e gliele incrociai intorno al collo, in una stridente forma a forbice che lo lasciò di stucco.
«Fine dei giochi!», la mia voce era un sibilo feroce e trionfante.
Kellar alzò le braccia, tossì e si ripulì un rivolo di sangue che gli scucì le labbra rinsecchite.
«Complimenti, figliolo…», il sorriso beffardo però non l’aveva lasciato. «Non c’è che dire, continui a stupirmi! Finalmente il tuo addestramento comincia a dare i frutti tanto attesi!»
Avevo il respiro pesante, l’adrenalina mi scorreva nelle vene, provai quasi il desiderio di ferirlo… Quella vittoria mi fece sentire così potente, che mi sentii pronto ad affrontare da solo un esercito intero.
«Velkan, il combattimento è finito. Potresti liberarmi, adesso, campione? Avrai sicuramente occasione di finire altri avversari…» Ricordandomi chi avessi di fronte, abbassai immediatamente le lame e mi inchinai in segno di rispetto.
«Perdonatemi, signore.»
Mi diede una pacca sulla spalla, «Nessun perdono è necessario a chi fa il proprio dovere e tu, stasera, hai dimostrato di essere perfettamente in grado di adempiere ai tuoi compiti. Sei sulla strada giusta, tra non molto sarai pronto.»
Stavo per lamentarmi per l’ennesima volta di quell’infinita posticipazione, che mi veniva rifilata ad ogni cenno di miglioramento… Mi chiedevo costantemente quando sarebbe stato abbastanza.
Eppure quelle domande insofferenti non avrebbero mai osato oltrepassare le labbra, poiché avevano troppa paura di bruciare la causa della loro origine.
Volevo vivere, ne avevo un bisogno sfrenato, ma dovevo fidarmi di Kellar.  
Allora? Che ve ne pare?
Lasciate le vostre impressioni nei commenti.. sono molto curiosa!!
Buona giornata a tutti :)



1 commento:

  1. Io ho letto il primo e l'ho adorato! è una storia straordinaria, molto appassionante!

    RispondiElimina