sabato 18 marzo 2017

[Segnalazione]-La linea del destino di Daniela Tresconi

Buondí visitatori del bosco, il sabato delle segnalazioni ospita oggi Daniela Tresconi e il suo nuovo romanzo



Titolo: La linea del destino
Autore: Daniela Tresconi
  • Data di pubblicazione: 16 gen 2017
  • Editore: Panesi Edizioni
  • Lingua: Italiano

Arcola è un tipico borgo arroccato che si affaccia sulla Vallata del Magra. Il suo Castello e la sua Torre Pentagonale da millenni osservano silenziosi le vicende delle genti che lo abitano. Valentina arriva in paese alla ricerca della tranquillità, ma ben presto tutte le sue scientifiche certezze verranno scosse da inquietanti e quanto mai misteriose sensazioni. Tre donne, tre epoche e tre mondi completamente diversi, eppure legati da un unico indissolubile destino e dal mistero di un atroce delitto. Quanto tempo per scoprire che non si può sfuggire a se stessi e che la fine spesso è solo un altro inizio?




Estratto

Arcola, 23 Dicembre Anno del Signore 1339


Freddo, pioggia e nevischio, Amelia correva veloce, sapeva che la stavano raggiungendo. La inseguivano fin dalla Piazza del Castello, la cercavano e non le avrebbero dato scampo. Allora giù, di corsa, lungo i “carrobbi” scivolosi e umidi, con il rischio di cadere. Voleva arrivare vicino alla sua casa, prendere poche cose, magari una coperta, un po’ di pane e scendere fino alle Tre Fontane, lì avrebbe potuto nascondersi nel bosco, forse non l’avrebbero trovata. Lì era il suo mondo, lì sarebbe stata salva. Sentiva i cani e le urla, erano vicini poteva quasi respirare il loro odio. Aveva inutilmente sperato che non sapessero di quel piccolo essere dentro il suo grembo. Non le interessava per sé, le dispiaceva solo per lui. Sapeva che se l’avessero raggiunta, per entrambi non ci sarebbe stato un altro giorno. Perché volevano ucciderla? E perché quelle accuse terribili? Aveva 17 anni Amelia, quando fu raggiunta dal gruppo di uomini, con lanterne e forconi la trascinarono nello spiazzo delle Tre Fontane, gridavano..



Nessun commento:

Posta un commento