sabato 14 ottobre 2017

[Segnalazione]- Il sole era freddo di Roberto Gandus

Buon giorno amici del bosco.
Nel nostro consueto appuntamento del sabato, dedicato alle segnalazioni, ospitiamo oggi Roberto Gandus e il suo "Il sole era Freddo"


Pagg. 156
coll. I Tascabili Noir
€11,90
Isbn 9788869432149

“UN TRAVESTITO TROVATO UCCISO FRA I ROVI DEL CIMITERO” questo il titolo de “La
Stampa” del 26 febbraio 1972. Il commissario Lemonier mormorò “Ucciso? E chi lo può dire?”.
Un modo come un altro per ricordare che brancolava nel buio. In realtà il fatto di cronaca fu uno
dei più “tortuosi” quanto morbosi della cronaca nera non solo di quel periodo. Per tentare di
districarlo occorre risalire a circa un mese prima quando sulla riva del Po viene trovato il cadavere
di un giovane con la testa affondata nell’acqua del fiume, ma nei polmoni acqua di mare. Si tratta
di Domenico Ferrero 18 anni, figlio del proprietario del San Giors, storico ristorante di Torino.
Lemonier sa che non è sufficiente dipanare l’intreccio amoroso, fra il giovane morto e i due
camerieri Daniel e Nuccia, per giungere alla soluzione del caso, così s’interessa ai clienti del locale
che nulla sembrano avere a che fare con quella morte eppure un sottile filo rosso porta il
commissario a “ficcare il naso” nell’antica farmacia del Mauriziano, analizza la vita di Elena, figlia
del farmacista, si chiede che rapporto ha con Elia collaboratore del padre, dottore Elia che abita in uno stabile conosciuto in città per l’anomala coppia di portieri: Carlo, detective mancato, e Bruna
che grazie alla “planchette” (comunemente chiamato “il bicchierino”) parla con i defunti e
scandaglia il mistero. E quale rapporto ha Daniel, l’aiutante del San Giors, con Niki, l’inquilina
andata a vivere sullo stesso pianerottolo di Elia? E con “Al Cit”, l’inquietante nano che organizza
corse di cani clandestine? I dubbi si accavallavano, a usufruirne sembra essere soltanto Roberto, il
romanziere, abituale cliente del San Giors, impegnato a scrivere un “noir” sulla vicenda. Il
maledetto caso del travestito trovato morto ai piedi del cimitero comunale sembra risolto quando il
proprietario del ristorante, confessa di essere l’assassino dopo aver scoperto la tresca in cui era
invischiato il figlio. Soltanto Lemonier intuisce che le cose non sono come appaiono. La verità
ancora una volta sembra prendersi gioco di lui proprio come Stella la giovane incontrata per caso,
tutto quanto sa della ragazza è di esserne innamorato. Come consolarsi della pena d’amore?
Semplice: con la sconvolgente scoperta dell’identità del travestito e del suo assassino.



Biografia
Roberto Gandus nato a Torino vive fra la
sua città e Roma. Sceneggiatore cinematografico e
autore televisivo senza tralasciare la pittura, per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato L’Ultima
esecuzione e La Sarta per Golem Edizioni Il Gyoko e La Casa delle Signore Buie scritto con Pupi
Avati.



Nessun commento:

Posta un commento