giovedì 4 gennaio 2018

"La maga delle spezie" di Chitra Banarjee Divakaruni - Ricetta: "Kheer" [Rubrica:LettureInPentola]

Salve Lettori Erranti. Nei giorni che non sono stata a casa ho avuto la possibilità di leggere molto e tra i libri letti vi vorrei parlare de La maga delle spezie di Chitra Banarjee Divakaruni, presentandovi anche una ricetta semplice che ho scelto tra le tante citate nel libro. Ho sentito parlare spesso de La maga delle Spezie e mi sono decisa a leggerlo, proprio per la nostra rubrica Letture in Pentola. Andiamo a scoprire di cosa parla.

La maga delle Spezie
Chitra Banerjee Divakaruni
Einaudi Editore
Prezzo: € 10,20 - 290 pag.
Acquistabile QUI 


Una vecchia signora indiana in una botteguccia di Oakland, California, con le sue mani nodose sfiora polveri e semi, foglie e bacche, alla ricerca del sapore più squisito o del sortilegio più sottile. E' Tilo, la Maga delle Spezie. La sua storia inizia in uno sperduto villaggio indiano dove la rapiscono i pirati, attratti dai suoi arcani e misteriosi poteri, per portarla su un'isola stregata e meravigliosa. Lì Tilo apprende la magia delle spezie che in America le permetterà di aiutare chi, come lei, si è lasciato l'India alle spalle. Nella Bottega della Maga, dunque, sfilano vite e desideri, fatiche e speranze d'immigrati, e le spezie, con i loro mille, minuscoli occhi, scrutano ogni gesto della loro signora.


LA MIA OPINIONE

Già dalle prime pagine ho capito di dover mettere da parte i pochi ricordi del film tratto dal libro, che non mi era piaciuto poi così tanto, e mi sono lasciata prendere subito dallo stile di scrittura poetica e sognante dell’autrice che dà voce alla protagonista Tilo. In ogni frase si legge tanta passione, e sembra di sentire i profumi dell’India, paese meraviglioso e colorato. Tilo ci fa “viaggiare” nel tempo, parlando del suo passato in un’isola mistica e il suo presente nella bottega delle spezie che gestisce, dove ogni giorno con l’aiuto di queste magiche spezie ed erbe cerca di aiutare i suoi clienti.

“La magia più profonda si nasconde nel cuore della nostra vita di ogni giorno,
 un guizzo di fuoco, se solo avessimo occhi per vedere.”

L’autrice Chitra Banarjee Divakaruni ci presenta le spezie, ne spiega il nome, l’origine e le proprietà, legando queste spezie anche a delle storie, ricordi della vita passata della protagonista e la storia di coloro che ha il compito di aiutare. Conosciamo così i suoi clienti, trovandoci davanti a un’analisi psicologica di ogni personaggio, conoscendo loro, possiamo conoscere un aspetto di noi stessi, e scopriamo come le piccole cose che sembrano “normali” in realtà siano preziose.
Sentiamo, attraverso la lettura, tutti i pensieri di Tilo, lei stessa ce li sta descrivendo, ed il linguaggio rimane sempre e costantemente poetico, ed arrivati a un certo punto questo diventa per me anche stancante (cosa che all’inizio avevo invece apprezzato). La lettura comincia a essere lenta, e mi sono sentita “costretta” ad abbandonare queste pagine per un po’ di tempo, per evitare di non concludere il libro o non prestare la giusta attenzione per finirlo.
L’arrivo dell’Americano, come Tilo lo chiama, dà una leggera scossa al libro, e anche alla nostra protagonista, che comincia a disobbedire alle leggi della sua bottega (bottega che è tutta la sua vita). Le spezie iniziano a non comunicare più con Tilo, che è combattuta tra il volere vivere una vita “normale” e il suo dovere di aiutare, sente il bisogno di parlare e sentire le sue amate spezie ma si sta innamorando anche di Raven, l’americano. Tilo disubbidisce alle regole, e usa le spezie per i suoi desideri, “chiede” una storia d’amore, e qui tutto si rovina, e per tutto intendo il seguito della storia…
A mio parere, molti punti sembrano forzati e la storia viene prolungata senza motivo, portando a un finale abbastanza deludente.


Il mio parere finale è tre gufi. Scrittura elegante, ed idea iniziale particolare, atmosfera magica, ma la trama si “perde”.

Ricetta Kheer

Come dicevo all’inizio ci sono diversi piatti che vengono citati nel libro, abbiamo mithai, chapati, kheer, pani puri, pulao, cholar dal, biriyani... Quest’ultimo piatto l’ho fatto due volte, ma è un piatto adatto al periodo estivo, è freschissimo, con tante verdure e super profumato; quindi ho deciso di provare qualcosa di relativamente nuovo per me, dato che leggendo la ricetta mi sono ricordata di aver assaggiato qualcosa di simile a casa di una donna marocchina. 
Eccovi, dunque, la ricetta del kheer, che è una sorta di budino di riso (dal quale è nato il rice pudding inglese). Il kheer, chiamato anche payasam, è molto diffuso in India e in tutta l’Asia meridionale, ed è preparato soprattutto nei giorni di festa come buon auspicio. 
Ringrazio il mio amico Frank per l’interesse messo nel provare a portare l’acqua di rose alimentare nel supermercato dove lavora (anche se il tentativo è stato vano), Emanuele per avermi portato dei meravigliosi e super profumati semi di cardamomo ed, infine, grazie ad Oz che è riuscito nell’impresa e mi ha spedito (tra le altre cose) l’acqua di rose dalla Germania.
 In questi giorni non ho avuto la possibilità di arrivare in città a procurarmela, ma potete trovare l’acqua di rose e i semi di cardamomo nei mini market arabi/indiani/pakistani, oppure nei negozi bio. Mi raccomando fate attenzione che l’acqua di rose sia alimentare e non quella che viene usata per il viso e gli occhi.

Ingredienti per 4 persone:

100 gr riso basmati, 600 ml latte, un cucchiaino di semi di cardamomo, un cucchiaio di acqua di rose, 4 cucchiai di zucchero 
Per condire: Potete variare a piacimento il gusto del kheer, provando sempre nuove combinazioni. È possibile aggiungere mandorle, pistacchi non salati e tostati, altra frutta secca o fresca, uvetta, zafferano, cannella ecc.

Procedimento:

Ci sono diverse varianti nel preparare il kheer, c’è chi tiene il riso ammollo e poi lo prepara, chi invece prima lo fa bollire nell’acqua e poi aggiunge il latte. 
Io ho scelto questo procedimento, essendo uno dei più veloci. Lavate e scolate il riso, mettete il latte a scaldare in una pentola con fondo spesso, poi aggiungete il riso e il cardamomo, lasciate sobbollire a fuoco basso mescolando di tanto in tanto. 
Quando il latte è diminuito, togliete i semi di cardamomo. Appena il composto si è ben addensato, toglietelo dal fuoco e aggiungete lo zucchero e l’acqua di rose. 
Decorate e servite. È possibile conservare il kheer in frigo e servirlo freddo.




Nessun commento:

Posta un commento