mercoledì 23 maggio 2018

La stanza dei giochi di Francesco # 7 Promesse e nuove idee


Salve a tutti lettori e ben trovati per un nuovo numero de “la stanza dei giochi di Francesco”. Era da un po’ che non scrivevo su questa rubrica, spero che questa rubrica sia mancata a chi la leggeva, non ho scritto più per vari motivi, tra i quali la reale difficoltà di parlare a 360 gradi di un unico gioco.

Infatti nel corso dei mesi mi è capitato di provare e saggiare vari giochi, che in qualche modo hanno stuzzicato il mio interesse ma che non ho ancora approfondito in misura tale da poterne parlare accuratamente.

Mi è capitato quindi di leggere e giocare a svariati giochi molto diversi tra di loro. Ho messo mano a Memento Mori e ho avuto la fortuna di conoscere i creatori del gioco. Mi è stato possibile leggere e testare manuali ancora sconosciuti in Italia o quasi come Zweihänder, oppure venire a conoscenza della casa editrice Modiphius che sta lanciando nel mercato dei gdr tanti giochi appetitosi come Conan il barbaro o Mutant chronicles; giochi già usciti nel corso degli anni ma che la Modiphius sta riproponendo con un suo sistema di gioco. Quindi di idee di progetti, di critiche ne avrei a dozzine, ma sarei poco accurato quindi farò al momento in questo numero vi esporrò i miei propositi per i prossimi numeri.

Oltre a una digressione più o meno lunga, più o meno riassuntiva dei giochi che ho indicato già in questo nuovo numero, concentrerò in futuro la mia attenzione su tre argomenti specifici: l’importanza dei dadi nei giochi di ruolo, l’importanza del “party” di gioco (termine tecnico con cui viene definito un gruppo di personaggi assortiti in una campagna) l’importanza dei nomi dei personaggi in un gioco. Tutti e tre questi discorsi seguiranno la scia del numero “The importance to being master” e seguiranno un approccio basilare alla questione cercando di far comprendere appieno ciò che voglio dire nello specifico. Perché si, da un primo impatto sembrano discorsi banali…ma non lo sono affatto.

Infine se avrò voglia (e qui la voglia dovrà essere tanta) accennerò un discorso sui giochi di ruolo on line, ma solo se avrò tanta pazienza e se sarò tanto sadico da voler creare flame a riguardo.

Vi espongo tutte queste idee perché è mio interesse approcciarmi a questi temi sentendo l’opinione di più persone possibili; ci tengo a scrivere su questa rubrica questo genere di cose proprio per sentire altri pareri, altre idee o semplicemente ampliare il mio punto di vista con altre sfaccettature, che probabilmente non prendo in considerazione riguardo questo amplissimo mondo che è quello dei giochi di ruolo. Dato che una mia ambizione è quella di scrivere qualcosa di sempre più concreto questo mondo, non posso lasciare nulla al caso ed essere il attento possibile per perfezionarmi sempre di più.

Quindi per oggi vi saluto qui, spero che questo mio ritorno sia gradito, e spero di poter essere all’altezza di chi legge questa rubrica.
Buone letture a tutti.


Nessun commento:

Posta un commento