venerdì 1 giugno 2018

Blogtour "I fuochi di Valencia" di Elena Covani - terza tappa - I luoghi del libro

Lettori del Bosco vi svelo un segreto: ci piace un sacco partecipare ai Blogtour, soprattutto se riguardano realtà editoriali emergenti e ricche di talento.

Con piacere dunque vi invito a seguire con attenzione questa terza tappa del Blogtour sul romanzo "I fuochi di Valencia" di Elena Covani - NpsEdizioni, che si occuperà si svelare i luoghi del libro.



Titolo: I fuochi di Valencia
Autore: Elena Covani
Editore: NPS edizioni
Genere: urban fantasy
Formato: cartaceo e digitale
Pagine: 192
Prezzo: 14 euro (cartaceo), 2,99 euro (digitale)
ISBN: 978-8831910-026
Copertina a cura di Livia De Simone Art.




Di cosa parla il romanzo?
Valencia, giorni di Las Fallas, la grande festa di primavera che anima le strade della città. Occasione ideale per gli Erjes per attaccare e contaminare numerosi umani, rendendoli loro schiavi. Le Sentinelle si apprestano a difendere la città, ma il Soldato José si interroga sul fine ultimo delle loro azioni: quella guerra tra le loro razze avrà mai termine?
Quando si imbatte in Maria, una ragazza contaminata ma in grado di resistere al virus dei demoni, i suoi dubbi aumentano e farà di tutto per proteggerla: dagli Erjes, che vogliono studiarla, dal Concilio, che vuole sopprimerla. Una guerra per l’evoluzione, combattuta per le strade di Valencia.


Chiediamo all'autrice di parlarci dei luoghi del libro.

Quali sono i luoghi del romanzo? 

I luoghi che ho descritto sono quelli che amo, lo so, sono tanti! Sono partita dalla Città delle Arti perché si può dire che negli anni l’ho vista crescere fino a diventare il capolavoro che è oggi, per poi passare al Barrio del Carmen, alla spiaggia della Malvarosa, la riserva naturale dell’Albufera e, naturalmente, il Rio Turia, la vera caratteristica di Valencia. Sono tutti luoghi magici che per me hanno un significato profondo, viscerale.



Scegli fino a cinque luoghi e presentaceli: cosa sono? Hanno qualche funzione nel romanzo?

La città delle Arti è un luogo dove José va per trovare pace dopo una notte di battaglia, mentre il Palazzo del Concilio, che si trova vicino alla spiaggia, è il luogo dove è cresciuto. C’è un posto particolare, che per me rappresenta lo scorcio più bello della città, che si trova nel barrio del Carmen: è un piccolo giardino che si affaccia sulla piazza della Virgen, di fronte alla cattedrale. È un posto magico, che ti porta in un altro tempo.
Un altro posto molto importante, che purtroppo oggi non esiste più, è lo zoo di Valencia, dove Baptista ha il suo laboratorio. È uno dei primi posti che visitai appena arrivata a Valencia, in un parco bellissimo nel mezzo alla città. 



Non vi resta che leggerlo.

Alla prossima


1 commento: